COME PRENDERSI CURA DEL GIARDINO RISPETTANDO L’AMBIENTE

Il rispetto per l’ambiente è un tema che sta a cuore a molti, soprattutto a Briggs & Stratton. Ecco i consigli dell’azienda su cosa tenere a mente per salvaguardare l’ambiente nello svolgimento dei lavori in giardino:

Non usare fosforo quando fertilizzi. I lavori di fertilizzazione del giardino possono essere eco-compatibili se viene utilizzato correttamente il fertilizzante giusto. Le sostanze nutritive presenti nei fertilizzanti sintetici sono le stesse che si possono trovare anche in prodotti organici. Quando decidi quale fertilizzante comprare controlla sempre la quantità di fosforo contenuta in esso. Alti livelli di fosforo riversati nelle acque di reflusso provocano infatti gravi danni alla fauna acquatica in fiumi e laghi. Cerca di acquistare un fertilizzante con bassi livelli o possibilmente senza fosforo. Nella maggior parte dei casi il terreno ha già la quantità di fosforo necessaria e non servono aggiunte.

Leggi con attenzione l’etichetta dei prodotti che acquisti. Chiunque voglia prendersi cura dell’ambiente dovrebbe saper leggere attentamente le etichette dei prodotti. Non sempre i prodotti definiti come “organici” sono più eco-compatibili di quelli sintetici. Se per esempio il prodotto organico ha un rapporto nitrogeno-fosforo di 5:1, e il prodotto sintetico di 15:1, si nota subito come il prodotto presunto “organico” ha il triplo di fosforo rispetto a quello sintetico. Leggere con attenzione le etichette dei prodotti è la soluzione.

Utilizza l’erba tagliata come concime. Quello che può sembrare un consiglio molto semplice si rivela invece un accorgimento di grande importanza per il tuo giardino. Il non utilizzare l’erba di taglio come concime può privare il tuo giardino di importanti nutrimenti naturali che verrebbero così riciclati in fertilizzante naturale, permettendoti anche di risparmiare un paio di fertilizzazioni all’anno. Molti rasaerba moderni sono equipaggiati con una speciale lama che provvede a rendere utilizzabili a questo scopo anche le foglie. Recenti test dimostrano infatti che non sono l’erba di taglio, ma anche le foglie autunnali, in particolare quelle di piante d’acero, forniscono al giardino uno stabilizzante naturale molto prezioso.

Pulisci gli eventuali residui di fertilizzante. Se dopo un’operazione di fertilizzazione o concimazione restano dei residui di fertilizzante o concime, anche naturale, nelle parti di strada, marciapiede o quant’altro confinanti con il tuo giardino, ricordati di pulirli magari raccogliendoli in un apposito vaso. L’acqua piovana potrebbe infatti farli confluire nelle acque di deflusso che li riverserebbero poi nei fiumi, inquinandoli.

www.yardsmarts.com

Torna alla Newsroom